Come faccio a lavorare alla Apple?

(di Nicola Giaconi, psicologo e creatore di Job Design. Tempo di lettura 3 min.)

Apple, Google e Facebook sono come divinità pagane, e fanno sempre notizia, anche se impiegano una percentuale quasi nulla della popolazione mondiale.

Cosa c’entra con la tua ricerca di lavoro? C’entra per ribadire che il passaparola è il metodo migliore per cercare lavoro, e funziona anche per lavorare da Google, Apple e Facebook che nell’immaginario sembrano i posti più irraggiungibili, e in cui ci si immagina che le procedure di recruiting siano le più formali e strutturate… tipo entrare nei Navy Seals. E invece non è così: la rete di contatti, interna o esterna all’azienda, permette di risparmiare tempo e energia, costa meno e ottiene risultati. Molti pensano che non funzioni nelle grandi aziende, e invece sì, anche se non tutte la usano allo stesso modo.

Il sito Glassdoor è una miniera di informazioni sui comportamenti delle aziende quando assumono. Per questo post ho preso il ruolo di software engineer, su un campione di circa 4.000 colloqui, e leggo percentuali interessanti sui metodi per arrivare al colloquio: ad esempio per FB hai il 35% in più di possibilità di essere assunto tramite passaparola rispetto a Apple.

Anche la candidatura online da loro funziona, e ci mancherebbe altro: solo che in Google hai 30% di probabilità in più tramite candidatura online rispetto a Facebook.

Ogni azienda è unica e speciale: per favore, informati sui suoi metodi preferiti, e falli usare al tuo utente, anche se non sono sempre i soliti che si aspetta, o ai quali si è tristemente abituato in mesi o anni di ricerca del lavoro.

Nicola