Colloquio: parla anche della concorrenza

Se hai letto la tattica precedente, completala con questa. Offri, comunica, illustra con dei confronti, dei paragoni tra te e gli altri che fanno il tuo lavoro. Individua dei “range”, delle misure di quello che fai e mettiti a confronto, dicendo per bene a che livello sei. Per questo devi informarti: come, quanto, quando e come lavorano le altre persone che fanno il tuo stesso lavoro. Chi sono i più bravi? Chi sono i peggiori? E te, dove sei? E sopratutto come fai a saperlo e misurarlo? Se riesci a misurarlo vuol dire che sei informato sugli standard di mercato, il che è una buona cosa: indica maturità professionale, attenzione al proprio lavoro e riflessività, cioè sapere che cosa si fa e come lo si fa, che è un indicatore di competenza e preparazione. Informazioni e consapevolezza sono la chiave per presentarsi al meglio – e senza esagerare e diventare brutte persone, un minimo di competitività non fa poi così male.

Questi brevi consigli parlano dei temi che affrontiamo quotidianamente con le persone che stanno cercando lavoro. Il bilancio delle competenze, i Corsi sulla ricerca del lavoro e il coaching possono migliorare le tue capacità di muoverti sul mercato del lavoro.